Vai alla Home Page  OSSERVATORIO DI CULTURA DIGITALE The Next Media! .
 
 

UTILITA'


‘o Glocalismo
Di Joon Steenkamp
Identità ed innovazione

Ci sono evidenti interstizi - nel bene e nel male - nel processo di uniformazione culturale globale: così mentre Google e Microsoft suscitano preoccupazione sulle pagine di tutti i quotidiani e periodici del mondo per aver accettato il cappio censorio cinese, vi è chi con il preciso intento di salvaguardare il patrimonio culturale “glocale” si accinge alla custodia di lingue e dialetti con iniziative simpatiche quanto impegnative come quella di realizzare la versione partenopea di Wikipedia.
«Chest' è 'a Wikipedia d' 'a lengua napulitana. 'A lengua ca se parla, cu 'e vvariante soje 'int' ô sudd d' 'a penisola taliana, 'a ll'Abruzze e 'o sud d' 'o Lazio, nfin' â Calavria e â Puglia. È na nciclopedìa lìbbera addó tuttuquante ponno scrivere e addó ognuno pò mettere parole nuove e addó nce stanno già nfino a mo 4.360 artìcule 'e qualonca argumento e cu nu punt' 'e vista neutrale», si legge nella home page (scusate: nella paggena prencepale) di nap.wikipedia.org.

E c’è poco da scherzare: è tutto vero e professionalmente inappuntabile!
Il sito - scanzonato, ricco e creativo - non si limita a tradurre in napoletano verace i vari lemmi dell’enciclopedia avvalendosi della collaborazione di numerosi consulenti volontari; propone altresì numerose iniziative di ispirazione locale tra le quali mi piace almeno ricordare il pruggiétte ‘O paese tujo, i cui intenti sono così riassunti:
«Vulimmo mettere nzieme na serie 'e articule ncopp' ê paise addó se parla 'o nnapulitano. 'Int'â ce stanno 'e ccetà ca teneno già 'e ppaggine 'e base ca se pozzono cummencià a cumpilà.
Ce sta pure 'a pussibbeletà 'e partecipà pe cchille ca nun vogliono o nun ponno scrivere 'o nnapulitano: ponno jognere 'e ffoto comme ncopp'â paggena 'e Napule.

La "paggena prencepale" di Wikipedia napoletana

'E ffoto se ponno carrecà ncopp''o pruggetto Commons: http://commons.wikimedia.org oppure se ponno ausà 'e foto ca già nce stanno - assempio: http://commons.wikimedia.org/wiki/Maiori».
Sfogliandolo pagina per pagina, assaporandone le difficoltà di comprensione e le inevitabili piccole personalizzazioni rispetto al diktat dell’enciclopedia comunitaria italiana (http://it.wikipedia.org) non si può che concordare con quanto asserito un po’ di anni fa - in climi non sospetti quanto a globalizzazione - da Giorgio Manganelli: «Un linguaggio è un gigantesco “come se”: una legislazione ipotetica che in primo luogo inventa i propri sudditi: i luoghi, gli eventi» (La letteratura come menzogna)

torna <<