Vai alla Home Page  OSSERVATORIO DI CULTURA DIGITALE The Next Media! .
 
 

DIDATTICA

Informatica e telematica a braccetto per abbattere le barriere della comunicazione
di Giulio Luzzi

L’Agenzia Formativa IFF (Gruppo 2F) in collaborazione con l’Ente Nazionale Sordomuti di Livorno avvia grazie al finanziamento della Comunità Europea il progetto “ABC – Abbattimento Barriere della Comunicazione
Da sempre le realtà marginali, come quella dei sordomuti, non sono considerate da soggetti privati erogatori di servizi come utenza appetibile a causa delle difficoltà di comunicazione. Si vengono così di fatto a creare della barriere comunicative che tagliano fuori dalla maggior parte delle attività le persone con difficoltà uditive, impedendo loro il pieno sviluppo della personalità e delle capacità conoscitive. L’accesso ad un comune corso per panettiere, bagnino o operatore informatico è spesso praticamente impossibile: di qui l’esigenza di costituire un corso ad hoc per utenti sordomuti. La scelta ricade sulla figura professionale dell’operatore informatico per ragioni sociali e lavorative; i benefici di un buon uso delle Nuove Tecnologie colmano le deficienze arrecate dall’handicap migliorando l’integrazione sociale, mentre il conseguimento di una qualifica professionale apre prospettive di lavoro altrimenti precluse.
Il Progetto Pilota ABC fa tesoro dell’esperienza che Istituto 2F ha conseguito con la progettazione e lo sviluppo di varie iniziative dedicate alle disabilità, non ultimo il Dossier Progettazione Universale - Per un uso consapevole e solidale delle nuove tecnologie nell’era dell’accesso che nasce proprio dall’intento di contribuire alla diffusione della consapevolezza teorica-operativa della progettazione di sistemi ICT compatibili con le specifiche internazionali riguardanti l’accessibilità e l’usabilità, concentrandosi su procedure e buone pratiche derivate dalla piena assimilazione da parte degli operatori non solo della strategicità del design for all , ma anche dal recepimento del contesto e dell’ambito di indagine più ampio nel quale le procedure di ausilio si collocano in rapporto al tessuto socio-politico quotidiano.
La particolare condizione dei partecipanti al Progetto ABC ha reso necessario formulare didattiche specifiche e mirate al superamento delle barriere comunicative; oltre all'utilizzo in aula di interpreti professionali LIS. L’insegnamento rivolto a individui non udenti ha infatti bisogno di una particolare attività di preparazione delle lezioni, nonché di un attendo studio della metodologia da impiegare al fine di realizzare le basi per una reale comprensione dei saperi trasmessi.




Non sarebbe sufficiente interporre la figura di un interprete tra i partecipanti al corso e l’insegnante competente nelle materie informatiche: questo non solo per la difficoltà logistica di una traduzione simultanea, ma e soprattutto per la dispersione di un certo quantitativo d’informazioni che si verificherebbe nel caso di una traduzione non concordata. Nello sviluppo dei materiali didattici, così come nella preparazione delle lezioni non si può prescindere dal procedimento di rielaborazione delle nozioni e della mediazione linguistica per adeguarli ai termini presenti nella Lingua Italiana dei Sordomuti o, laddove questi vengano a mancare, concordarli con l’interprete ed i partecipanti. Non si tratta dunque di una semplice traduzione, bensì di un lavoro preparatorio che mette a punto metodologie didattiche calibrate sulle specifiche esigenze delle persone non udenti, tenendo conto anche delle differenti capacità di concentrazione e tempi di apprendimento, nonché dell’esigenza di operare tramite strumenti prevalentemente visivi e in grado di facilitare in maniera immediata l’applicazione pratica delle nozioni trasmesse. Risulta evidente la portata innovativa del progetto dovuta alla realizzazione di strumenti formativi assenti nel panorama della formazione professionale rivolta a persone non udenti anche per il fatto che si aprono così interessanti prospettive per la messa a punto di un modello metodologico e didattico altamente trasmettibile.
Nell’elaborazione del modello metodologico si è previsto un marcato ricorso ad ausili didattici su supporto cartaceo, a CD-ROM interattivi e ad una piattaforma e-learning semplificata che possa rappresentare un riferimento concreto per la formazione delle persone non udenti.
Il corso completamente gratuito per Operatore Informatico rivolto a 20 adulti con difficoltà uditive, tra i quali almeno otto di sesso femminile, avrà luogo a Livorno.
TERMINE ISCRIZIONI: 22 Novembre 2004
Per informazioni ed iscrizioni è possibile telefonare ad Istituto Formazione Franchi - Agenzia di Livorno: 0586.211992 contattando direttamente il referente Andrea Magnani (349.7840749); oppure rivolgersi all’Ente Nazionale Sordomuti di Livorno nei giorni di mercoledì e venerdì dalle 15.30 alle 18.30 al seguente numero di telefono 0586.504122 o ancora per fax 0586.5031222.

Scarica il Bando (1 Mb) >>

torna <<