Vai alla Home Page  OSSERVATORIO DI CULTURA DIGITALE The Next Media! .
 
 

DIDATTICA

EFFA
Di Giulia Bertini
Intervista a Giulio Luzzi, coordinatore nazionale dell’Associazione Italiana che rappresenta gli Enti Formazione ed i Formatori

Il settore della formazione in Italia brulica di richieste e proposte che possiamo considerare a vario titolo interessanti ed argute, quello che probabilmente non è ancora completamente chiaro è come discernere la proposta più efficace in funzione delle proprie esigenze.
Di recente ho avuto modo di conoscere Giulio Luzzi, il coordinatore nazionale di EFFA, una associazione nata appositamente per rappresentare gli Enti di Formazione ed aiutare a distinguere le specificità delle varie proposte formative.
D.: Cosa è effettivamente EFFA?
È un associazione con personalità giuridica che rappresenta i principali Enti di Formazione ed Operatori della Formazione. EFFA è infatti l’acronimo di Enti di Formazione e Formatori Associati.
D.: Perché nasce la vostra la vostra associazione?
Prima di rispondere alla sua domanda mi consenta di esporre l’attuale contesto in cui il settore della formazione si trova. E’ indubbio che il settore della formazione sta vivendo anni di grandi novità e trasformazioni che impattano e modificano il quadro normativo di riferimento e conseguentemente, tutto ciò finisce per ricadere su coloro, siano essi Enti o persone fisiche, che nel settore operano quotidianamente. Queste novità si pensi alla Riforma Moratti nel campo dell’Istruzione o le nuove Normative Regionali che regolano e riordinano il sistema della formazione cercando di mettere ordine, a mio avviso giustamente, richiedendo agli Enti nuove e più rigorose procedure di accreditamento e certificazione di qualità. A questo quadro di grande cambiamento si aggiungano le profonde trasformazioni che l’introduzione delle nuove tecnologie informatiche e telematiche applicate alla didattica richiedono al modo di operare di Enti e Formatori.
In un mutevole contesto come quello appena descritto Enti e Formatori hanno sentito l’esigenza di associarsi per poter incidere in maniera efficace , attraverso un confronto con le istituzioni sulle decisioni che interessano e interesseranno nel prossimo futuro gli operatori dell’istruzione e della formazione.
D.: Quali sono i fini dell’Associazione?
Tra gli scopi prioritari , oltre a quello di rappresentare gli interessi e le istanze dei propri associati nei confronti delle istituzioni, vi sono anche quelli assistere e promuovere lo sviluppo professionale, certificare le competenze e le credenziali, promuovere e realizzare la formazione e l’aggiornamento professionale di formatori, insegnanti ed operatori (formatori, insegnanti, educatori dei giovani, professionisti della formazione, consulenti, orientatori, progettisti, autori, tutor, tecnici, tecnici amministrativi, coordinatori e liberi professionisti) nel campo dell’educazione, dell’istruzione e della formazione professionale.
In particolare l’Associazione persegue i seguenti fini:
1. Favorire la crescita culturale, l’aggiornamento e lo sviluppo professionale dei Soci;
2. Certificare le competenze e credenziali professionali degli operatori del sistema della formazione e dei Soci in particolare attraverso l’adozione di un sistema di verifica improntato alla massima trasparenza e garanzia pubbliche;
3. Promuovere dibattiti, convegni, attività culturali ed altre attività informative sui temi della formazione professionale, dell’educazione degli adulti, del collegamento tra il mondo dell’istruzione e quello del lavoro, sulla promozione delle pratiche della formazione continua e permanente, sulla ricerca e sviluppo dell’applicazione delle nuove tecnologie all’ambito della formazione;

La tessera associativa di EFFA

4. Promuovere e realizzare studi e ricerche nel campo delle scienze dell’educazione e organizzare programmi formativi (intendendo con ciò tutte le accezioni, forme e modelli ipotizzabili afferenti all’ambito della pratica educativa-formativa), corsi, seminari e convegni anche a livello internazionale, con particolare riguardo ai Paesi dell’Unione Europea, relativamente alle prassi professionali inerenti l’educazione, istruzione e formazione dei giovani e degli adulti nelle imprese, nelle organizzazioni private e pubbliche, nella scuola, nell’università e nella società;
5. Svolgere e promuovere attività di ricerca e di ricerca applicata per lo sviluppo di nuovi modelli, prassi, strumenti, metodologie e per l’utilizzo delle Nuove Tecnologie Informatiche nel campo dell’educazione e della formazione professionale.
D.: Come li persegue?
La nostra associazione deve in primis operare attraverso la promozione delle competenze professionali e la creazione di “sistemi di certificazione delle competenze e delle credenziali professionali” riconosciuti a livello nazionale ed internazionale nell’ambito delle discipline della educazione, istruzione e formazione professionale; in particolare attraverso:
A. La Promozione ed assicurazione della prassi della Certificazione delle Competenze e delle Credenziali professionali, attraverso l’adozione di un sistema codificato, certificato ed improntato alla massima garanzia;
B. L’ Accreditamento della struttura Associativa come Ente in grado di certificare ed attestare la funzione di verifica e controllo delle credenziali professionali dei Soci, attraverso la definizione di standard adeguati, secondo gli orientamenti tecnicamente ed operativamente più validi, l’assistenza e la verifica del loro raggiungimento;
C. L’ Identificazione dei fabbisogni formativi diffusi tra i Soci e più in generale tra gli operatori della formazione;
D.: L’Organizzazione di corsi per la formazione continua, l’aggiornamento ed il mantenimento delle Competenze professionali possedute dai Soci ed eventualmente certificate;
F.: Il proporsi come laboratorio di idee e di formazione degli operatori dell’educazione e della formazione (formatori, insegnanti, educatori dei giovani, professionisti della comunicazione, consulenti aziendali, tecnici e liberi professionisti), attraverso la realizzazione di programmi per lo scambio di idee ed esperienze, l’aggiornamento reciproco, la mutua collaborazione per la ricerca, la sperimentazione in rete di obiettivi, la documentazione di esperienze, la progettazione e proposizione di percorsi didattici ed esperienze di comunità.

torna <<