My MEDIA

Osservatorio di Cultura Digitale
Subscribe

6 x 3

07 Marzo, 2011 By: admin2 Category: Comunicazioni

Moisi Guga
21 marzo 2011 alle ore 17,00 presso l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino – scuola di grafica – Via Accademia Albertina n. 6 avrà luogo l’inaugurazione della mostra « 6 x 3 »

Artisti in mostra: Martina Carosso, Francesco Del Conte, Moisi Guga, Mattia Macchieraldo, Flavio Palasciano, Sara Vineis

Durata della mostra, 22-28 marzo 2011 Orario: 14.00 – 18.00

La mostra presentata nelle sale della Scuola di Grafica dell’Accademia Albertina di Torino ripercorre gli anni di studio di sei allievi, mettendone in evidenza le peculiarità tecniche e stilistiche, ma senza rinunciare alla creazione di un discorso in cui gli interessi personali si mescolano ai portati di una formazione comune. Il lavoro fotografico di Francesco Del Conte, in cui la banalità del quotidiano è elevata a una sorta di monumentalità, ha per protagonista il lento scorrere del tempo e la progressiva variazione di luci ed ombre sulla superficie di comuni utensili. Sara Vineis, di contro, agisce direttamente sulla materia, spingendo il rame al massimo grado di alterazione. Scienziata ed alchimista allo stesso tempo, sottoponendo le lastre di metallo all’azione di molteplici sostanze (aceto, zolfo, percloruro ferrico, olio…), l’autrice cerca di donare alla materia una nuova inaspettata vita. Una processualità simile si evidenzia anche nel lavoro di Martina Carosso, la quale, rielaborando in video le trasformazioni di Vineis, realizza un’installazione in cui un’inconsueta trasformazione generata da luce e movimento combina la corrosione del metallo all’evanescenza del telo di lino. All’impossibilità di definizione cui spesso è costretto l’uomo si riferiscono le opere di altri due autori. Da un lato Mattia Macchieraldo, attraverso il lento e silenzioso emergere della luce dai suoi light-boxes, invita lo spettatore a una contemplazione dell’opera che si avvicina allo stato di meditazione; dall’altro Flavio Palasciano, contestando la ricerca ossessiva di precisione e chiarezza ottica cui tecnologia e design aspirano, costruisce un raffinato discorso fotografico sulla fisionomia del volto e sull’intrigante rapporto tra l’occhio e la mente. Da ultimo Moisi Guga, che presenta una serie di acquerelli liberamente ispirati a “L’asino d’oro” di Apuleio, congiunge il tema della trasformazione, intesa nel senso di metamorfosi, a quello ottico della percezione, chiudendo il cerchio delle esperienze in una grafica al tempo stesso domestica e surreale.

Comments are closed.