My MEDIA

Osservatorio di Cultura Digitale
Subscribe

Aladino

aprile 06, 2011 By: admin Category: Comunicazioni

aladinoTPO

 

Metastasio Ragazzi 2010/2011

Teatro Magnolfi

Via Gobetti 79 – Prato

Ritorna a Prato, al Teatro Magnolfi, nella stagione Metastasio Ragazzi, lo spettacolo Aladino, la nuova produzione firmata dalla Compagnia TPO interpretata da Valentina Banci e Alice Massei su immagini dell’illustratore argentino Fabian Negrin.

 

Lo spettacolo “Aladino” trae la sua ispirazione da una delle fiabe più celebri de “Le mille e una notte” e contiene in sé molti degli archetipi dei grandi racconti di fantasia amati dai bambini più piccoli.

Il protagonista è un ragazzo che, complice la meraviglia e la magia, ci condurrà in un mondo immaginario ed esotico, dove sogni e desideri infantili combattono contro un mondo arcaico.

Nel corso della storia il personaggio della fiaba imparerà a crescere mettendo alla prova coraggio, intelligenza e sentimenti.

In questo viaggio fuori dal tempo si fronteggiano i toni accesi della lotta tra il bene e il male, il mondo adulto e il mondo infantile, i miraggi e le ambizioni.

E’ una giostra di avventure sostenuta da due attrici di grande talento (Valentina Banci e Alice Massei), capaci di portare per mano i bambini in uno spazio sontuoso e avvolgente, dove i personaggi si alternano in un racconto impreziosito da immagini orientaleggianti, realizzate appositamente da Fabian Negrin, autore e illustratore argentino assai noto nell’ambito dell’editoria per l’infanzia.

 

La produzione che il TPO ha dedicato a questa celebre fiaba fa parte di un progetto strutturato in due momenti distinti: nel 2010 si è assistito ad uno studio preliminare incentrato sul lavoro dell’attore e sull’adattamento del testo per il pubblico dell’infanzia.

La ripresa di marzo/aprile 2011 prevede invece una produzione completa di elementi scenografici e l’inserimento di sensori visivi e acustici per creare degli effetti di interattività con il gesto e la voce dell’attore.

Grandi teli da proiezione, composti da fili di tripoline, rendono lo scenario vivo e penetrabile: le attrici, sono libere di interpretare una storia interagendo con una vera e propria scenografia dinamica e immersiva e facendo così volare in alto la fantasia dei più piccoli.

Ne parleremo sul prossimo numero di My MEDIA, in uscita a Maggio.

Tags:

Comments are closed.